Approvato il trattato con il Brasile sul trasferimento dei condannati

Berna. I detenuti svizzeri e brasiliani potranno in futuro scontare il resto della loro pena detentiva nello Stato di origine. Venerdì il Consiglio federale ha approvato un trattato con il Brasile sul trasferimento dei condannati, autorizzandone la firma. Il trattato riprende i principi della Convenzione europea sul trasferimento dei condannati e quindi la sua conclusione è di competenza del Consiglio federale.

La Convenzione bilaterale sul trasferimento dei condannati persegue anzitutto uno scopo umanitario e intende agevolare il reinserimento sociale dei detenuti dopo la loro scarcerazione. Entrambi gli Stati possono acconsentire all’esecuzione di una pena straniera, ma non sono obbligati a trasferire il condannato, al quale la Convenzione non conferisce un diritto di scontare la pena in patria. Il trasferimento presuppone il benestare dello Stato che emette la condanna e di quello di origine, nonché il consenso del detenuto. Diversamente dal Protocollo addizionale alla Convenzione europea sul trasferimento dei condannati, il trattato bilaterale non prevede la possibilità di trasferire un detenuto nel suo Paese d’origine contro la sua volontà.

Ultima modifica 05.06.2015

Inizio pagina

Contatto

Ufficio federale di giustizia
Servizio stampa
Bundesrain 20
CH-3003 Berna
T +41 58 462 48 48
(Für alte MM verwenden, E-Mail: media@bj.admin.ch, Tel.: RYI)

Stampare contatto

https://www.metas.ch/content/ejpd/it/home/attualita/news/2015/2015-06-050.html